Come va?

Normal 0 7.8 0 2 false false false EN-US ZH-CN X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.5pt; mso-bidi-font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-font-kerning:1.0pt;} Salve, amici miei! Prodotti elettronici molto bene! Migliore qualità e prezzo più basso! Scegli qui: tisearu.com La scelta giusta! sicuro che ti piacerà

RISPOSTA FORNITA

Domanda

Egr. Signor Avvocato, mi permetta di esporLe a seguito il mio problema. Mia Mamma é deceduta da recente ed avendo redatto un testamento olografo, ha lasciato tutti i beni mobili ed immobili ad una persona sconosciuta non rispettando le quote di diritto per i 2 figli eredi giá del Papa´per 25% circa. La mia domanda concreta é: visto che sia io che mio fratello ci ritenevamo eredi abbiamo chiuso l´immobile e siamo andati via dal paese, l´erede sconosciuto ci minaccia legalmente dicendo che a lui gli spettano le chiavi di casa in quanto lui é erede e propietario e pretende le chiavi altrimenti fará un´azione legale nei nostri confronti. E´una simile richiesta legittima? noi abbiamo fatto una proposta di voler patteggiare e dargli cio´che gli spetta legalmente cioé circa il 25% la quota che mia mamma poteva disporre liberamente, ma lui non ci sta vuole tutto. Dobbiamo cedere alla richiesta delle chiavi? La ringarzio anticipatamente per la sua cortese risposta. La saluto cordialmente S.Ferrante

RISPOSTA FORNITA

Richiesta informazione

Buongiorno Ho un c/ c in posta da oltre 10 anni Ho un fido di 1500 euro  sempre utilizzato. Oggi mi e’ arrivata lettera dalla Deutsche Bank per comunicarmi che , essendo che negli ultimi mesi non vedono accreditati regolari emolumenti , vogliono che io receda dall ‘ utilizzo del fido  e quindi che lo copra altrimenti provvederanno a chiudermi il conto e a segnalarmi al circuito creditizio. A parte che se  vedono che non ho piu’ regolare retribuzione come pensano che io abbia i soldi in unica soluzione per chiudere il fido ,poi c’ e’ da dire che ho fatto versamenti vari anche se con cifre basse quindi movimentando abbastanza il conto. Il punto, e quindi la mia domanda ,e’ : Possono importi di fare cio’ considerando a maggior ragione che la mia situazione economica e’ peggiorata? Ringraziandovi anticipatamente porgo cordiali saluti.  Chiara  Inviato da Samsung Mobile.

RISPOSTA FORNITA

lavoro

Salve, Io sono un operaio e da anni (circa 15) lavoro in una stazione ferroviaria con contratto fisso. Circa un anno fa ho avuto un litigio con un mio collega. Questo purtroppo mi ha causato uno spostamento da Trento a Venezia. Non ho una dimora, Di notte lavoro e di giorno giro per la città. Io ho anche una famiglia a Trento, dei figli. Sono arrivato ad un età che purtroppo mi rende difficile trovare un nuovo lavoro (ho 60 anni). Cosa mi consigliate di fare legalmente per cambiare la situazione? Grazie in anticipo della collaborazione.

RISPOSTA FORNITA

Consulenza

Salve Sono proprietaria di un appartamento in un condominio con terrazzo condominiale .Il vicino che abita sotto casa mia ha affittato la casa e i suoi affittuari sfruttano ad uso proprio il terrazzo…utilizzandolo a proprio piacere con fumo di barbecue…fiori innaffiati e ospiti ricevuti sul terrazzo…il proprietario evita il dialogo. Ringrazio anticipatamente e aspetto un suo consiglio.

RISPOSTA FORNITA

per un consulto gratuito

Sono stata separata in modo consensuale da mio marito, dal 2012 al 2013, dopo qualche anno abbiamo provato ad un avvicinamento, lui veniva in casa solo la domenica quando cerano figli i nipoti, tutto ciò per amore delle figlie e dei nipotini. Abbiamo fatto 15 sedute in un consultorio familiare, prima del suo rientro e anche li continuava a dire bugie. Ho pensato che non voleva compromettersi davanti agli estranei, ed inizialmente sembrava che il comportamento fosse diventato accettabile, ma dopo alcuni mesi ha ripreso i suoi comportamenti scorretti, verbali e finanziari, ha ripreso ad andare con la sua amante che aveva prima della nostra separazione e durante. Ho cercato di fargli capire, che in quel caso sarebbe uscito di casa, ed ha cominciato a cambiare leggermente i comportamenti, ma non come pattuito all’inizio. Aveva detto che al rientro mi avrebbe fornito 500,00 mensili come contributo delle spese familiari,( io ne spendo a volte il doppio e a a volte il triplo), ma dopo pochi mesi anche questo è diventato nullo, oggi pretende che lo mantenga e si arrabbia se gli dico di darmi dei soldi perchè non ha speso nulla. Prende la mia auto e non mi dice dove va e la scorsa settimana alla mia richiesta, si incavola e poi al colloqui con il fratello dice: chi è lei che devo dire dove vado. Gli dico che con questi comportamenti può uscire di casa, ma inizialmente di incavola, sbatte tutto e poi dopo qualche ora ritorna l’agnellino. Davanti ai figli fa finta che tutto sia a posto, per far vedere che sono solo io ad essere arrabbiata. Cosa devo fare? L’atto di separazione è ancora valido o dopo il suo rientro in casa ha perso l’efficacia ? Grazie Cinzia

RISPOSTA FORNITA

consulenza casa

Buonasera,volevo un consulto su una cosa per me importante. Mia madre e mio padre hanno comprato una casa molti anni fa. Il 3 ottobre 1995 mia mamma è deceduta e quindi la parte di casa di sua appartenenza è stata suddivisa equamente tra me e mio fratello Andrea (allora di 10 e 8 anni). Nel 2000 mio padre si è risposato con una ragazza straniera molto piu giovane di lui e ha perso la testa, tanto da cacciarci di casa. Mio fratello con la sua compagna si è rifatto una vita e sta bene, io ho dovuto cambiare città (Milano Centro) e vivo in un monolocale di 20 mq, con grossissime difficoltà economiche nell ultimo anno perche sono senza lavoro. Da gennaio 2011 che sono fuori di casa, mio padre non si è mai piu interessato ne a me, ne al mio sostentamento, ne morale ne economico. Ed io non ho chiesto niente. Ora però che le cose mi sembrano assolutamente inevitabili, vorrei chiedere il mio diritto di essere liquidata della mia parte di casa. Non mi importa che lui abbia o no il mezzo monetario per farlo, per me puo vendere anche casa o auto, ma a me quei soldi ora servono davvero molto e vorrei anche una rivincita morale su tutto quello che mi ha tolto e privato. Chiedo se è possibile? Chiedo a chi posso rivolgermi senza avere spese onerose e se è in mio possesso farlo. Alla sua morte poi io non vorrò nulla, ma la parte di mia madre ora si. La ringrazio e le auguro buona serata

RISPOSTA FORNITA

consulenza casa

Buonasera,volevo un consulto su una cosa per me importante. Mia madre e mio padre hanno comprato una casa molti anni fa. Il 3 ottobre 1995 mia mamma è deceduta e quindi la parte di casa di sua appartenenza è stata suddivisa equamente tra me e mio fratello Andrea (allora di 10 e 8 anni). Nel 2000 mio padre si è risposato con una ragazza straniera molto piu giovane di lui e ha perso la testa, tanto da cacciarci di casa. Mio fratello con la sua compagna si è rifatto una vita e sta bene, io ho dovuto cambiare città (Milano Centro) e vivo in un monolocale di 20 mq, con grossissime difficoltà economiche nell ultimo anno perche sono senza lavoro. Da gennaio 2011 che sono fuori di casa, mio padre non si è mai piu interessato ne a me, ne al mio sostentamento, ne morale ne economico. Ed io non ho chiesto niente. Ora però che le cose mi sembrano assolutamente inevitabili, vorrei chiedere il mio diritto di essere liquidata della mia parte di casa. Non mi importa che lui abbia o no il mezzo monetario per farlo, per me puo vendere anche casa o auto, ma a me quei soldi ora servono davvero molto e vorrei anche una rivincita morale su tutto quello che mi ha tolto e privato. Chiedo se è possibile? Chiedo a chi posso rivolgermi senza avere spese onerose e se è in mio possesso farlo. Alla sua morte poi io non vorrò nulla, ma la parte di mia madre ora si. La ringrazio e le auguro buona serata

RISPOSTA FORNITA

aiuto

Buongiorno con il gratuito patrocinio devo essere io a reperire tutta la documentazione che serve per fare valere i miei diritti oppure come logico che sia deve essere l’avvocato a farsene carico attraverso i propri canali preferenziali?

RISPOSTA FORNITA

Aiuto

prego ho un problema con il mio padrone di casa perché non ho potuto pagare per casa in affitto di nuovo a causa di non lavoro. e mi già richiesta per casa comune da 2014. Ho una moglie e un bambina di 13 mesi. ho un caso a Frosinone tribunale il 24 luglio 2015. Cosa posso fare?

RISPOSTA FORNITA

SERVIZIO DI GRATUITO PATROCINIO INVIARE I QUESITI A: AVVOCATO-GRATIS@LIVE.IT
LE RISPOSTE SONO GRATUITE IN MATERIA CIVILE E PENALE.