Eredita’

Buongiorno.
Con la presente,vorrei chiedervi lumi circa una brutta avventura capitatami di recente.
Il 16 ottobre scorso e’ deceduta mia madre,per decidere se accettare o meno l’eredita’,ho voluto informarmi sui suoi carichi pendenti,con finanziarie varie.
E’ dalla data del decesso che,fra email,telefonate,fax,continuo ad invitare le societa’ di fianziamento(nella fattispecie Agos e Santander) ad inviarmi copia del contratto,ma senza nessun riscontro.
Giusto ieri,dopo arrabbiature varie,ho scoperto che Santander ha ceduto il credito a una societa’ di recupero crediti.Nessuna notizia invece da Agos
La domanda e’ questa,queste societa’ possono veramente rifiutarsi di comunicare gli estremi del contratto,nonostante io li abbia richiesti in quanto erede?
In attesa di un gradito riscontro,porgo distinti saluti
Andrea Soda

RISPOSTA FORNITA

Separazione

Buonasera, Sono attualmente in fase di separazione consensuale da mio marito, abbiamo un figlio minorenne che verrà collocato presso di me con conseguente assegnazione della casa coniugale. Stiamo trattando le condizioni di mantenimento per quanto riguarda me e il bimbo,premetto che mio marito ha uno stipendio da dirigente e attualmente vive in una casa di proprietà sua, io invece ho un contratto di lavoro part time, purtroppo soggetto e dipendente in buona parte anche dall’attività lavorativa di mio marito. La mia questione è questa: nel caso in cui perdessi il lavoro per ritorsioni di mio marito sull’azienda presso cui sono dipendente, come si verrebbe a modificare il mio assegno di mantenimento? Verrebbe incrementato in quanto disoccupata? Sarebbe quindi una situazione “peggiorativa” per mio marito in quanto tenuto a sostenere la moglie che versa in stato di bisogno? Vi ringrazio anticipatamente Nicole Lulli

RISPOSTA FORNITA

Separazione

Buongiorno e Grazie! Mi permetto di approfittare del vostro servizio gratuito per chiarirmi le idee su quanto dovrà fare mia madre nei prossimi mesi in merito ad un’eventuale separazione da mio padre. Sono sposati da 38anni ma da 17anni, cioè da quando è morta mia nonna paterna e ci siamo trasferiti nella casa che mio padre ha ereditato,post spartizione di quanto in essere con il fratello. I miei sono coniugati in regime di comunione dei beni, ma la casa è intestata solo a mio padre…”questa è casa sua” come rinfaccia da 17anni. La casa è stata ristrutturata. I pagamenti sono avvenuti da conto corrente cointestato dei miei genitori con regolare accredito emolumenti di entrambe. Mia madre ha versato anche assegno circolare da vendita immobile di proprietà di mia nonna materna, post decesso di quest’ultima. Nel conto sono confluite le liquidazioni di entrambe. Ad oggi mia mamma lavora in una cooperativa e mio padre è pensionato. A casa non fa nulla, se non sporcare, visto che per lui le scarpe che si usano nell’orto possono tranquillamente essere appoggiate sul tappeto in salotto o in camera, sempre corredate di fango. Si lava solo il sabato pomeriggio verso le ore 14. Puzza e non le descrivo la biancheria. Ora mia madre è in cura dal dentista. Lui è esploso perché per lui non sono spese necessarie, infatti è senza denti. Ha proibito a mia mamma di comprarsi abbigliamento e ha minacciato di sbattermi fuori di casa se io le compro qualcosa. Io vivo in casa perché ho sempre cercato di risparmiare per comprarmi casa…dovrei esserci! Non ho mai chiesto soldi ai miei genitori. Ora però non posso più accettare che tratti mia mamma come la sua schiava, la vuole far impazzire, anche insultandola, sempre quando sono a casa solo loro due. Lui può proibire a mia madre, lavoratrice con stipendio mensile fisso che oscilla tra i 900 e i 1100€(se fa straordinari)? Ah, mio padre si alza alle 5, pranza alle 11.20 cena alle 17.20 e alle 18.30/19 va a dormire…in camera non abbiamo mai avuto il riscaldamento, nemmeno quando eravamo sotto zero. Se mia madre se ne va di casa rischia di passare dalla parte del torto? Se se ne va di casa può ottenere gli alimenti per pagarsi un affitto? È possibile avere un pezzo di carta scritto da mostrare a mio padre per fargli capire che anche se la casa è intestata a lui , non può sbattere fuori mia madre? Scusi per tutte le domande ma non so da che parte cominciare. Grazie Cinzia Inviato dal mio dispositivo Huawei

RISPOSTA FORNITA

RICHIESTA CONSULENZA

Salve Avvocato,
da poco sono terminate le attività di ristrutturazione nell’alloggio acquistato qualche tempo fa. Le attività sono durate ben più del previsto (9 mesi a fronte di max 4 concordati, ma senza formalizzazione di penali per ritardi). A lavori quasi ultimati ho segnalato che alcune zone dell’appartamento non erano per me accettabili da un punto di vista qualitativo. Il Direttore dei lavori concorda con me. L’impresa è ferma sulle proprie posizioni e non vuole riconoscere che il lavoro sarebbe potuto essere portato a termine in maniera qualitativamente migliore. Ho convocato anche un esperto di cartongessi (zona più critica della ristrutturazione), che ha confermato la possibilità di effettuare un lavoro con risultati qualitativi superiori. Devo ancora riconoscere il 5% della totalità dell’importo della ristrutturazione all’impresa. Cosa mi consiglia di fare?
Le sarei molto grato se riuscisse ad aiutarmi a risolvere tale situazione.
Grazie e a presto. Massimo

RISPOSTA FORNITA

Informazione

Salve, mi chiamo simonazzi, vorrei un consiglio su una questione delicata. La mia fidanzata è nigeriana, stiamo insieme da circa 2 anni, adesso vorremmo sposarci ma abbiamo un problema….. Le è andata ad aiutare una sua amica che aveva bisogno in Germania. Quando è andata via io non sapevo che era sprovvista dei documenti ma è partita ugualmente avendo trovato un passaggio con dei conoscenti. Adesso vuole tornare a casa ma non trova il passaggio…. Posso andarla a prendere io? Cosa rischio io e cosa rischia lei se mi fermano in frontiera? Come posso fare….potete consigliarmi una soluzione? Cordialmente Udino simonazzi

RISPOSTA FORNITA

affidamento di minori pre-divorzio

Salve, volevo sapere se esiste una legge che stabilisce l’affidamento per i figli di una coppia prossima al divorzio ed in attesa di andare davanti al giudice. Il marito in questione, forte del fatto che nessun documento ufficiale stabilisca ancora le modalità di affidamento, prende i bambini e non li riporta a casa per giorni interi. E’ perseguibile penalmente per ciò? Esiste una legge che tuteli il genitore (in questo caso la madre), ma soprattutto che tuteli i bambini in queste circostanze? Vi ringrazio infinitamente per il vostro tempo

RISPOSTA FORNITA

Successione e coniuge invalido

Egregi,
Il quesito che vi pongo è il seguente:
Marito e Moglie con 3 figli adulti, il marito viene a mancare e la moglie è invalida al 100% senza un amministratore di sostegno nominato;
Il conto corrente del marito viene bloccato per cui per poter pagare l’ assistenza della moglie ancora in vita, uno dei figli ( il convivente ) deve farsi carico delle spese assistenziali.
1) Al fine di sbloccare il conto corrente del marito ( conto corrente in comune con la moglie invalida ) è necessario chiedere, tramite un legale, un amministratore di sostegno ? 2) Va effettuata prima ( tramite notaio ? ) la successione degli eredi ? ma non essendo la moglie in grado di firmare necessita comunque in primis dell’ amministratore di sostegno ?
Come ci si muove in tali situazioni ?
Ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione,
Distinti Saluti,
Davide Antonio

RISPOSTA FORNITA

Esclusiva di traduzione

Buon giorno. Mi chiamo Vanessa e sono una spagnola da vari anni residente in Italia. Recentemente sono venuta in contatto con uno scrittore italiano che ha già pubblicato varie opere in territorio nazionale. Parlando abbiamo discusso sulla possibilità di pubblicare il suo ultimo libro anche all’estero a cominciare dalla mia terra d’origine. Visto il rapporto di fiducia che si è venuto a creare, l’autore vorrebbe che fossi io a fare la traduzione, inoltre mi ha dato carta bianca per cercare la casa editrice adatta. Il mio compenso lo dovrei trattare direttamente con l’editore di conseguenza avrei bisogno di una carta dell’autore nella quale mi autorizza in esclusiva a tradurre la sua opera in lingua spagnola. Lui è disposto a rilasciare tale documento ma né io né lui sappiamo come bisogna redigerlo perché abbia valore legale e il mio lavoro sia tutelato. Quali sono le cose importanti da inserire? Data e firma dell’autore, nominativi degli interessati e titolo dell’opera…. Altro? Dobbiamo mettere anche i dati dei rispettivi documenti d’identità? Essendo la lingua spagnola molto diffusa, un tale documento avrebbe valore globale o sarebbe ristretto ai soli confini spagnoli? In questo caso come dovrei fare per tutelarmi in tutti i paesi dilingua spagnola?

RISPOSTA FORNITA

Informazioni

Buongiorno avvocato, vorrei un suo parere riguardo una problematica personale. Io sono infermiera e lavoro nella pubblica amministrazione da 20 anni circa, come turnista h 24. Nel 2010 ho iniziato ad accusare problemi nella pratica ospedaliera. Mi fu diagnosticato poi che avevo una depressione maggiore con attacchi di panico. Ho provato tante di quelle cure alternative, ma a tutt’oggi,ho bisogno di seguire una terapia con psicofarmaci. Volevo aprire una pratica per malattia professionale. La certificazione in mio possesso è una relazione stilata dalla Psichiatra della P.A. nonché della Psicologa che mi ha seguito per diverso tempo. La depressione come patologia rientra nelle malattie professionali? Considerando che i sintomi iniziali indicano una sindrome di burn-out?

RISPOSTA FORNITA

informazioni su separazione

buongiorno , scrivo per potermi chiarire alcuni dubbi . circa due anni fa ho abbandonato la casa coniugale perché non più innamorata di mio marito .Sono stata ospitata da mio figlio ventitreenne nel suo mini appartamento .Ho bisogno di sapere se è vero che non mi aspetta il mantenimento per nostra figlia che ha 10 anni e che è stata affidata ad entrambe i genitori. In settimana sta con me e nei weekend con il papà. Preciso che io lavoro come insegnante e il mio ex marito è disoccupato da due anni e percepisce l’idennità di disoccupazione .La casa in cui vivevamo è interamente rimasta a mio marito perché gli è stata donata dai suoi genitori ( con atto di donazione ). Purtroppo non posso rivolgere tali domande all’avvocato che ha seguito la separazione , perché si fa pagare ogni telefonata e quindi rimango con i dubbi . Ringrazio in anticipo per la risposta Distinti saluti

RISPOSTA FORNITA

SERVIZIO DI GRATUITO PATROCINIO INVIARE I QUESITI A: AVVOCATO-GRATIS@LIVE.IT
LE RISPOSTE SONO GRATUITE IN MATERIA CIVILE E PENALE.