abuso edilizio

Salve mi chiamo Eugenia, e avrei una domanda da fare , vorrei acquistare una casa all’asta, che ha 150 mq tra cui 70 mq sono abusivi e il vecchio proprietario e stato denunciato inoltre ha una sentenza di demolizione della parte abusiva del 2009 che non e mai stata eseguita, sembra che la parte abusiva e stata costruita nel ’99 c’è qualche possibilità per contestare questa sentenza , o qualsiasi cosa per non demolire la parte abusiva? So che con la compravendita all’asta con il decreto di trasferimento l’abusivismo e sanabile, ma visto che c’è una sentenza di un giudice di demolizione cosa si puo fare? Grazie per la risposta , le auguro una serena giornata!

RISPOSTA FORNITA

I: consulenza

Il Martedì 30 Agosto 2016 13:22, Nicola Pasquarelli <pasquarellinic@yahoo.it> ha scritto: Buongiorno,  Avrei bisogno cortesemente di un parere legale in merito ad una questione che cito brevemente: Due giorni fa mia madre ha acquistato un Piumino a euro 150,00. Li serviva la taglia 52 ora terminata mentre la commessa gli ha messo in busta la 50. Ci siamo accorti di questo errore del impiegato del Negozio di abbigliamento dopo avere pagato. Abbiamo chiamato e ci è stato riferito che non è possibile avere la somma indietro semmai un buono di 150.00 euro e che il titolare rientra tra una settimana forse sta prendendo tempo e dopo una settimana la somma non può restituircela. -Vorrei sapere se denunciando il titolare ci verrà ridato la somma pagata dato che è stato un loro errore quindi se ci sono i presupposti per tutto ciò. Cordiali saluti

RISPOSTA FORNITA

Separazione

Salve mi sto separando da mia moglie (per un mio tradimento )abitavano in campagna dopo la morte di mia madre quindi una casa ereditata di propieta ,a mete mia e di mio fratello non avendo fatto ancora la divisione possediamo anche un appartamento in paese ,mia moglie e propietaria di un appartamento con usufrutto alla mamma vorrei sapere se lei ha il diritto di abitare nella casa dove abitavano o deve andare nella uaooooooo casa di propieta dove vive solo la mamma, abbiamo 2 figlie una di 21 anni altra di 16 anni Inviato da smartphone Samsung Galaxy.

RISPOSTA FORNITA

Richiesta Consiglio Legale Gratuito

Salve, avrei bisogno di un consiglio per capire se e come sia possibile recuperare un credito. Questo è l’accaduto: Con il mio ex compagno raggiungiamo l’accordo di intestare a me un finanziamento per l’acquisto della sua automobile. Ha firmato come garante del finanziamento è mia madre. Da parte sua, l’impegno di corrispondermi, mensilmente, l’importo della rata di circa 250. La finanziaria addebita la rata direttamente sul mio conto corrente. L’acquisto avviene a febbraio 2015 e l’auto viene inizialmente intestata a me. Da marzo 2015 iniziano le rate e l’ex partner comincia a versarmi con bonifico l’importo della rata del finanziamento, come da accordi VERBALI presi. A giugno 2015 si effettua a suo favore il passaggio di proprietà dell’auto. Sul certificato di proprietà autenticato dichiaro di avergliela venduta al prezzo di circa 21.000 ( valore coincidente al totale del finanziamento, inclusi gli interessi ). Lui, registrando il passaggio di proprietà al PRA, dichiara di averla acquistata per questa stessa cifra. Tra noi non esiste alcuna prova scritta intesa come contratto che regoli l’impegno che si era assunto, se non qualche traccia in conversazioni di messaggistica sul cellulare. A decorrere da gennaio 2016 lui ha totalmente interrotto i versamenti in mio favore. Ho provato a sollecitarlo più volte ma senza successo. Il quesito è pertanto il seguente: è possibile recuperare la somma del finanziamento in qualche modo ? Si può sostenere che l’ex partner sia inadempiente al pagamento della vendita concordata in forma rateale ? Secondo il vostro parere, sussistono le basi per tentare con successo un decreto ingiuntivo / recupero del mezzo / messa in asta, ecc. ? Ringraziandovi per l’attenzione, resto a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione necessare ed in attesa di vostro gentile riscontro. Cordiali Saluti, Letizia

RISPOSTA FORNITA

info art 75

praticamente ieri mi hanno fermato dopo che ho comprato del fumo da un extracomunitario, che è stato arrestato subito dopo. Mi hanno fatto un verbale di sequestro di 3gr ma detto che essendo la prima volta, essendo incensurato e avendo collaborato, non avrebbero inviato nessuna segnalazione al prefetto e quindi non avrei ricevuto la notifica per il colloquio al N.O.T. Mi hanno assicurato che l unica cosa che potrebbe succedere è se il giudice vuole sentirmi in un eventuale secondo processo mi contattano tramite telefono. Mi ha solo rilasciato un foglio dove dice che se voglio posso presentarmi questo lunedì al processo, ma mi ha detto di non andare che non serve a nulla praticamente. Una volta a casa, su internet ho letto che se fanno il verbale di sequestro lo devono comunicare per forza al prefetto. Possono non comunicarlo o mi hanno detto una cavolata? Grazie!! Inviato da Posta<https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=550986> per Windows 10

RISPOSTA FORNITA

Infortunio lavorativo nn denunciato

Buonasera mi chiamo Piergiuseppe MOCCI e scrivo dalla Sardegna. Ho bisogno di un consiglio riguardo un infortunio avvenuto in data 1 luglio di quest’anno. Sono stato assunto x prestare servizio civico x un numero di 70 ore distribuito su 4ore giornaliere c/o il mio comune a partire dal 13 giugno. Il primo luglio, appunto, ho avuto una distorsione e sono stato accompagnato dal medico di guardia che prontamente mi spedisce al PS di Nuoro. Da lì 1′ certificato 20 gg di cure e riposo. Cerco di consegnare all’assistente sociale la quale rifiuta nn mi perdo d’animo e spedisco il tt all’ Inail…compresa la testimonianza della guardia medica. Intanto faccio protocollare i suddetti fogli ma dimentico il certificato di apertura infortunio sbadatamente che presento cmq in seguito ad un certificato continuativo di 10gg seguito da un altro di 16gg di cure. Non parte cmq la denuncia e tuttora a distanza di quasi 2 mesi l’inail nn liquidera’ causa mancata denuncia. Preciso che l’infortunio è stato chiuso in data 16 agosto. Si vogliono anche attaccare al mio sbaglio visto che mancava il cert di apertura vero e proprio al momento che io ho presentato il primo referto ma in qlsiasi modo potevano sollecitare la cosa no??potevano accorgersi loro che mancava qlcosa!!cmq nn so cosa fare aspetto un consiglio:sicuramente saprete aiutarmi in qlke modo…vi ringrazio x il vs tempo e buona serata! !!

RISPOSTA FORNITA

Eredità

Buongiorno,sono Azzurra,mio marito risulta un cattivo pagatore,gli è stata pignorata la casa ipotecata che ora è all’asta..due mesi fa è morta sua madre,ora nel momento di fare le pratiche di successione succede il pandemonio perché i fratelli si impuntano sul fatto che la banca del mutuo non pagato si rivalga sulla sua parte di eredità o addiritura su quella del padre..volevo sapere se è possibile questa cosa,o se è come penso io,si prenda solo la casa ipotecata…grazie..

RISPOSTA FORNITA

Untitled

SONO UN INSEGNANTE DI SCUOLA DELL’INFANZIA TRASFERITA IN UN ISC DOVE VI SONO TRE POSTI LIBERI IN DIVERSI PLESSI TRA CUI UNO DOVE RISIEDO. SONO IN POSSESSO, PER MIA SUOCERA MALATA, DELLA 104 MA LEI NON RISIEDE CON ME ANCHE SE SONO IO AD ACCUDIRLA. MI SPETTA SCEGLIERE LA SEDE A ME PIÙ AGEVOLE?

RISPOSTA FORNITA

Separazione consensuale

Buongiorno. Sono sposata da giugno 2013 e abbiamo la comunione dei beni. Mio marito aveva già una bambina nata nel 2009 e una bambina nostra nata nel 2011. Poi abbiamo avuto un figlio nel 2014. Da marzo 2016 ha una storia extraconiugale che non posso provare ma di fatto ha abbandonato casa i primi di giugno 2016 ed è andato a convivere con la nuova compagna. Ho prove che che è stato in ferie in vari posti ad agosto e in questi mesi in cui è andato via non ha pagato ne mutuo ne contribuito alle spese dei figli (lavora in nero ma verrà assunto da settembre). Settimana scorsa mi sono recata dove so che dorme e ho avuto la prova della convivenza tanto che siamo arrivati alle mani (non ho sporto denuncia e in teoria nemmeno lui ma non ne ho certezza). Un paio di giorni fa abbiamo compilato le carte per la separazione consensuale. Io ho chiesto solo 300 al mese per i figli. Lascerò casa tra poco perché lui continuerà a pagarsi il mutuo (casa intestata a mio suocero). Ho rinunciato al mantenimento e a qualsiasi altra cosa. I figli li vedrà 2 sabati al mese e un giorno infrasettimanale. Ci sono solo dei punti su cui vorrei tutelarmi visto la poca affidabilità! 1. Ho qualche diritto verso la sua prima figlia che ho cresciuto negli ultimi 5 anni? 2. Va bene l’affido condiviso? Io lo vorrei esclusivo visto che i bambini non li ha visti per 3 mesi e comunque non verrà a prenderli così spesso. Ultimamente era anche violento. Non sono tranquilla ora se dovessi lasciarli soli con lui. Ma non lederei mai il legame di paternità anche se ad oggi è praticamente inesistente perché non si è mai creato. Cosa cambia per la tutela dei miei bambini condiviso o esclusivo? 3. Ho chiesto che mi dia l’estratto conto da marzo ad oggi del suo conto in banca poiché se in futuro chiederà l’assegno di mantenimento lui io posso dimostrare la sua infedeltà prima della separazione avendo spese delle vacanze e foto. (Oppure con la separazione consensuale firma anche lui la rinuncia?) 4. A sentenza di separazione avvenuta c’è automaticamente la separazione dei beni? So bene che potrei andare domani da un avvocato e chiedere separazione con colpa, chiedere il triplo dei soldi, avere la casa, la macchina ecc.. Ma non voglio. Vorrei solo tutelarmi in caso facesse lui qualche azione contro me in futuro. Vorrei essere sicura al 100% che non potrà continuare a distruggere me o i miei figli, solo per amore degli stessi. Qualsiasi altro consiglio che mi darà sarà preziosissimo perché tra pochi giorni porteremo le carte in tribunale e non vorrei mai pentirmene! Grazie infinite! Debora

RISPOSTA FORNITA

IL CLIENTE HA SEMPRE RAGIONE?

SALVE,SONO GIOVANNI HO UM IMPRESA EDILE,SONO INCAPPATO IN UN CLIENTE PER UN RESTAURO DI UNA VILLA.LUI MI HA PORTATO SUL POSTO E SICCOME è UNA VILLA DI 500 MQ ALLO STATO GREZZO MI HA RICHIESTO UN PREVENTIVO CHIAvi in mano. quindi io ho perso unagiornata a misurare,altre ore a farmi fare preventivi da giardiniere,fabbro,falegnme,escavatorista,muratore che lavora la pietra,tutte le mansioni che io nn eseguo essendo rifinitore edile.quindi preparo un primo preventivo a corpo chiavi in mano dopo essermi consultato con altre imprese come sopredescritto.questo a comportato che lasciavo il lavoro per portare in campagna adesso il fabbro poi il falegnameecc ecc…a consegna del primo preventivo tutto dettagliato il cliente nn mi firma e mi fa andare per conferma giorni successivi.SOLO CHE QUANDO TORNAVO DA LUI PENSANDO DI CONCLUDERE PASSANDO DA PREVENTIVO A CONTRATTO,LUI MI RIMANDAVA SEMPRE EFFETTUANDO MODIFICHE SUL PREVENTIVO,QUINDI IO APPORTAVO MODIFICHE NELLA LAVORAZIONE DA ESEGUIRE E TORNAVO DA LUI QUESTO è ANDATO AVANTI PER 2 MESI.UNA SERA MI DICE PREPARA IL CONTRATTO DEFINITIVO CHE PARTIAMO CON I LAVORI ERA DI MERCOLEDI.PREPARATO IL CONTRATTO VADO DA LUI A CASA SUA,LUI MI RIMANDA LA FIRMA DEL CONTRATTO AL GIORNO DOPO IN VILLA IN CAMPAGNA.IN VILLA IL GIORNO DOPO MI Dà LE CHIAVI DI UNA RIMESSA E MI DICE PORTA GIà GLI ATTREZZI COSI INIZIAMO LUNEDI,RIMANDA LA FIRMA PERCHè DEVE PREPARARE LA SCIA AL COMUNE E LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA.NEL FRATTEMPO MI DICE INIZIA A TOGLIERE L ERBA ALTA INTORNO ALL ABITAZIONE COSI DA RENDERE FACILE IL MONTAGGIO DEL PONTEGGIOIO PER TRE GIORNI METTO A LAVORARE DUE PERSONE A PULIRE L ERBACCIA ,A LIBERARE L AREA DA TUFI,MATTONI,VECCHIE FERRAGLIE ECC ECC.QUESTO PER 4 GIORNI PAGATI DA ME.POI NON FA PIù NIENTE , ED IO MI RITROVO DOPO 3 MESI,SENZA FIRMA DEL CONTRATTO,CON UNA CARTELLINA DI PREVENTIVI FATTI E POI RIFATTI,PERDITE DI TEMPO NEI SOPPRALUOGHI,CON ATTREZZATURE DA RIPORTARE IN DIETRO NEL MIO CANTIERE,GIORNATE PAGATE AGLI OPERAI,ED IN PIU MI SI PRESENTA LA CONGIUNTIVITE AGLI OCCHI,INFETTATAMI DA LUI SICURAM,ENTE PERCHE NE PORTAVA I SINTOMI.IL CLIENTE ADESSO MI CHIAMA E DICE MI DEVI DARE LA CHIAVE DELLA RIMESSA,IO GLI HO CHIESTO MA ALMENO LE GIORNATE A PULIRE ME LI VUOI DARE,NON MI HA FATTO SAPERE PIù NIENTE.MI RITROVO CON PERDITA DI TEMPO,SOLDI SPRECATI,INFATATO EC CURATO A SPESE MIE,IL CLIENTE HA SEMPRE RAGIONE?? CORDIALI SALUTI GIOVANNI

RISPOSTA FORNITA

SERVIZIO DI GRATUITO PATROCINIO INVIARE I QUESITI A: AVVOCATO-GRATIS@LIVE.IT
LE RISPOSTE SONO GRATUITE IN MATERIA CIVILE E PENALE.